Call for Papers

Karl Jaspers e il dialogo interreligioso

15 ottobre 2017

Per inviare un contributo occorre prima registrarsi → Registrati

Dopo essersi registrati sarà possibile autenticarsi per accedere alla procedura di invio contributi → Autenticati

La Rivista “Studi jaspersiani” dedica il prossimo volume (2018) a Karl Jaspers e il dialogo interreligioso.

La figura di Karl Jaspers, uno dei grandi dioscuri dell’esistenzialismo europeo, ha dominato il Novecento con la sua poderosa opera filosofica e psichiatrica, esercitando una straordinaria Wirkungsgeschichte. In particolare, la sua ermeneutica delle religioni, in primis della “religione biblica”, ma anche delle religioni orientali, ha segnato nel secolo scorso un punto di riferimento fondamentale per la filosofia della religione e per la riflessione sul problema, oggi quanto mai al centro del dibattito pubblico, della coesistenza delle fedi in un mondo segnato dal pluralismo e dal polimorfismo religioso. Il concetto da lui elaborato di “fede filosofica” (philosophischer Glaube) e i suoi dialoghi con alcuni dei massimi teologi prostestanti, quali R. Bultmann, K. Barth, H. Zahrnt, hanno documentato la possibilità, che appartiene alla grande tradizione della filosofia occidentale, di indicare una “terza via” ermeneutica tra ateismi militanti e dogmatismi confessionali: qualcosa, oggi, nell’età della globalizzazione e nel tempo di rigurgiti fondamentalistici, più che mai degno di essere pensato.

Il convegno “Karl Jaspers e il dialogo interreligioso” promosso e realizzato dalla Società italiana Karl Jaspers e dal Dipartimento di Antichità, Filosofia, Storia e Geografia (DAFIST) dell’Università di Genova, che si è svolto il 4 e 5 maggio 2017, intende interrogare l’opera di Jaspers a partire dall’apporto che può venirne in relazione al dialogo tra le religioni e ai temi della comunicazione, della tolleranza e del riconoscimento. Inoltre alla luce del rapporto di Jaspers con la filosofia e la cultura orientali, il convegno intende indagare se e in che forma è possibile pensare a partire dalle riflessioni jaspersiane a un dialogo oriente-occidente sul tema della religione.

Saranno presi maggiormente in considerazione contributi che approfondiscano gli aspetti epistemologici, etici e storico-teorici della riflessione operata da Jaspers su questo tema, anche alla luce dei suoi significativi contatti con alcuni tra i più importanti medici e scienziati dell’epoca.

Norme generali e linea di condotta
 

Ogni anno la Società Italiana Karl Jaspers prevede un tema che sarà oggetto del numero successivo della Rivista “Studi jaspersiani”.

Gli Autori interessati a presentare un contributo sul tema, possono inviarlo entro la scadenza indicata seguendo la procedura di invio (occorre prima registrarsi e poi autenticarsi per inviare il contributo).

Il testo inviato non dovrà riportare il nome dell’Autore in intestazione, né alcuna indicazione che rimandi all’Autore.

Tutte le informazioni di contatto vengono raccolte attraverso la registrazione e sono disponibili esclusivamente all’Amministratore della procedura.

Il contributo deve contenere un abstract in inglese, rivisto da un madrelingua inglese, che non superi le 250 parole. Il contributo, che sarà un file (pdf o doc) da allegare nel corso della procedura di invio, non dovrà superare i 45.000 caratteri (spazi e note incluse) e potrà essere presentato in italiano, inglese, francese e tedesco.

Ogni elemento del file che potrebbe identificare l’Autore deve essere rimossa per assicurare l’anonimato durante la procedura di referaggio.

I contributi verranno inviati a uno o più reviewers indipendenti secondo la procedura del referaggio cieco. Sempre in forma anonima i reviewers potranno successivamente richiedere all’Autore di modificare o migliorare i loro contributi per la pubblicazione.

Per la procedura di selezione iniziale, non vi sono linee guida circa la formattazione. Nel caso in cui il contributo venga accettato per la pubblicazione, verrà richiesto all’Autore di produrre una versione finale che rispetti le norme editoriali della Rivista.

La Rivista non accetta proposte al di fuori dei Call for Papers che bandisce per ogni numero. Eventuali altre forme di collaborazione (recensioni) vanno preventivamente concordate con la redazione, allegando un breve profilo dell’Autore e dei suoi interessi di ricerca.

Notifica di accettazione, accettazione condizionata, rifiuto 
La Redazione comunicherà per mail l’esito del referaggio. Saranno rifiutati i contributi che non rispettino il codice etico della rivista. La Redazione può anche, su suggerimento del/i revisore/i, accettare l’articolo a condizione che vengano apportare eventuali modifiche, integrazioni.

Scadenza per l’invio della versione finale
Accettato il manoscritto, dovrà essere inviato definitivamente, secondo la formattazione definitiva e le eventuali integrazioni previste entro i 3 mesi successivi alla scadenza del Call for papers.