Call for Papers

Psicologia delle visioni del mondo

30 aprile 2019

Per inviare un contributo occorre prima registrarsi → Registrati

Dopo essersi registrati sarà possibile autenticarsi per accedere alla procedura di invio contributi → Autenticati

La Rivista “Studi jaspersiani” dedica il prossimo volume (2019) a Psicologia delle visioni del mondo.

Nel 1919 Karl Jaspers pubblica la Psicologia delle visioni del mondo. Con questo lavoro – che richiese un’intensa preparazione filosofica – Jaspers non soltanto opera, quasi involontariamente la sua transizione dalla psicologia alla filosofia, ma muove anche i suoi primi passi verso la Existenzphilosophie. Con i concetti di “situazione-limite”, “involucro” [Gehäuse], e con la sua attenzione al “sé” [Existenz], Jaspers riconosce la crisi che attraversa la filosofia accademica del suo tempo, sempre più distante dalla natura processuale della vita e dal nichilismo della modernità, frantumando così tutti gli orizzonti tradizionali degli studi sulla natura dello psichico, tipici dell’epoca. Con questo libro, inteso esplicitamente come opera di psicologia comprendente [Verstehende Psychologie], Jaspers ha cercato di catalogare e categorizzare i poteri del processo vivente, sintetizzando tanto gli “atteggiamenti individuali” [Einstellungen] quanto l’“immagine obiettiva del mondo” [Weltbilder] attraverso il concetto di “visioni del mondo”. Mutuando da Max Weber lo strumento metodologico dell’idealtipo, Jaspers ha descritto i tipi di pensiero e gli atteggiamenti umani, abbandonando la tradizionale pretesa universalistica dei sistemi filosofici e aprendo così la strada a un nuovo approccio filosofico che cerca la verità nel processo esistenziale di individuazione e comunicazione.

La Psicologia delle visioni del mondo – per certi versi un lavoro incompiuto, certamente un’opera di transizione, data la prospettiva epistemica da cui parte – offre oggi molti stimoli per tornare a pensare alla filosofia, alla sua relazione con la psicologia, alla sua capacità di reagire alla moltiplicazione delle interpretazioni del mondo e, allo stesso tempo, al bisogno dell’essere umano di riconoscere i propri limiti, spingendosi costantemente oltre di essi.

Il settimo volume di “Studi jaspersiani – Rivista della Società Italiana Karl Jaspers”, dedicato alla Psicologia delle visioni del mondo, pertanto non vuole solo celebrare i cento anni di un classico della filosofia, ma a partire dalla ripresa dello spirito che lo anima, riflettere sull’autentica capacità della filosofia di aprire lo sguardo sul mondo, di lasciarsi attraversare da esso, e di offrire alcune risposte alle nuove domande di senso che emergono dal nostro presente.

Il volume si articolerà intorno ad alcuni nuclei tematici:

  • L’eredità storicistica delle visioni del mondo
  • Il confronto con il nichilismo
  • Jaspers e Kant
  • Weltanschauungen e interculturalità
  • Kierkegaard e la filosofia dell’esistenza
Norme generali e linea di condotta
 

Ogni anno la Società Italiana Karl Jaspers prevede un tema che sarà oggetto del numero successivo della Rivista “Studi jaspersiani”.

Gli Autori interessati a presentare un contributo sul tema, possono inviarlo entro la scadenza indicata seguendo la procedura di invio (occorre prima registrarsi e poi autenticarsi per inviare il contributo).

Il testo inviato non dovrà riportare il nome dell’Autore in intestazione, né alcuna indicazione che rimandi all’Autore.

Tutte le informazioni di contatto vengono raccolte attraverso la registrazione e sono disponibili esclusivamente all’Amministratore della procedura.

Il contributo deve contenere un abstract in inglese, rivisto da un madrelingua inglese, che non superi le 250 parole. Il contributo, che sarà un file (pdf o doc) da allegare nel corso della procedura di invio, non dovrà superare i 45.000 caratteri (spazi e note incluse) e potrà essere presentato in italiano, inglese, francese e tedesco.

Ogni elemento del file che potrebbe identificare l’Autore deve essere rimossa per assicurare l’anonimato durante la procedura di referaggio.

I contributi verranno inviati a uno o più reviewers indipendenti secondo la procedura del referaggio cieco. Sempre in forma anonima i reviewers potranno successivamente richiedere all’Autore di modificare o migliorare i loro contributi per la pubblicazione.

Per la procedura di selezione iniziale, non vi sono linee guida circa la formattazione. Nel caso in cui il contributo venga accettato per la pubblicazione, verrà richiesto all’Autore di produrre una versione finale che rispetti le norme editoriali della Rivista.

La Rivista non accetta proposte al di fuori dei Call for Papers che bandisce per ogni numero. Eventuali altre forme di collaborazione (recensioni) vanno preventivamente concordate con la redazione, allegando un breve profilo dell’Autore e dei suoi interessi di ricerca.

Notifica di accettazione, accettazione condizionata, rifiuto 
La Redazione comunicherà per mail l’esito del referaggio. Saranno rifiutati i contributi che non rispettino il codice etico della rivista. La Redazione può anche, su suggerimento del/i revisore/i, accettare l’articolo a condizione che vengano apportare eventuali modifiche, integrazioni.

Scadenza per l’invio della versione finale
Accettato il manoscritto, dovrà essere inviato definitivamente, secondo la formattazione definitiva e le eventuali integrazioni previste entro i 3 mesi successivi alla scadenza del Call for papers.